1-4 settembre 2021 - Iscrizione aperta!

 

Feb 08
2020

Roman Evarts sulla sua esperienza UTMR del 2019

UTMR Admin

L’atleta d’élite Roman Evarts, 6° classificato all’UTMB 2018, racconta la sua esperienza all’Ultra Tour Monte Rosa 2019. Sta tornando felicemente per la gara del 2020. Buona fortuna Roman!

Potete trovarlo su Facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/romans.evarts & seguite i suoi risultati sulla sua pagina ITRA.

Scelte, scelte, scelte…

La fine dell’estate per molti appassionati di ultra-trail running è il momento di allacciare le scarpe per una gara lunga ed epica. Non c’è dubbio – la fine di agosto o l’inizio di settembre è il momento migliore per intraprendere alcune 100 miglia di montagna. Non fa più caldo e durante i mesi estivi c’è tutto il tempo per fare lunghe e divertenti corse in montagna per prepararsi a un grande giorno.

Molti di voi puntano a UTMB e vale sicuramente la pena provare. È un’esperienza molto piacevole per chi sta affrontando i primi 100 milioni. I percorsi di gara non sono molto tecnici; ci sono molti punti di controllo con una ricca scelta di cibo e persino possibilità di dormire in mezzo alla distanza. Ma la cosa migliore dell’UTMB è la manciata di compagni di corsa in giro, che possono darti una spinta mentale e tirarti su di morale durante i tuoi momenti di debolezza. O ti uccidono con il loro ritmo – sì. Sii intelligente quando cerchi amici sui sentieri!

Ho fatto l’UTMB due volte. La prima volta ci sono andato con poca aspettativa, non mi sono allenato molto e per la maggior parte della gara mi sono goduto la compagnia dei francofoni senza avere idea di cosa stessero parlando. Finito il 35° anno, mi sono reso conto che devo fare più di 6 settimane di formazione in anticipo e magari imparare un po’ di francese. Il mio secondo tentativo nel 2018 è andato meglio e sono arrivato sesto. Basta così, niente più UTMB per me, visto che ho esplorato due volte gli stessi sentieri e ho partecipato anche al lato agonistico dell’evento. È ora di andare avanti!

L’UTMR è diventata la mia scelta per il 2019, in quanto ha soddisfatto tutti i criteri che ho stabilito per i 100 milioni:

  • Non durante i caldi mesi estivi (odio correre al caldo)
  • Nelle Alpi (la posizione migliore per me)
  • Tecnico (inciampare e inciampare è la strada da percorrere)
  • Ripida (mi piace l’escursione di potenza)
  • Corso di Circumnavigazione (mi piace fare i giri)
  • Facile da inserire (non sopporto di decidere l’inserimento con 6 mesi di anticipo o di pianificare alcune qualificazioni)

 

Tutto suonava alla grande e il fatto che il direttore di gara Lizzy Hawker ha affermato che il percorso è più impegnativo rispetto al percorso dell’UTMB suonava ancora meglio.

La gara UTMR 2019

Grächen, un piccolo villaggio svizzero in alto sopra la valle che porta a Zermatt e al leggendario Cervino, è il punto di partenza dell’UTMR.

I corridori si mettono in fila nell’edificio della comunità locale per prendere i pettorali e passare il controllo dell’attrezzatura. Questa gara non ha l’eccessivo clamore dell’UTMB e la maggior parte delle persone sono super rilassate e molto amichevoli: sono qui per divertirsi piuttosto che per battere gli altri per ottenere il riconoscimento e l’attenzione dei potenziali sponsor. Ho preso il mio numero “69” ed ero pronto per andare a mangiare e dormire prima dell’inizio delle 4 del mattino.

Dopo una bella dormita, io e qualche altro centinaio di appassionati siamo pronti a trovare la strada per il Monte Rosa. La gara ci porterà in Italia e ritorno in Svizzera circumnavigando il circuito escursionistico attorno a una delle più grandi raccolte di vette delle Alpi. Suona la campana e siamo partiti. Sono in testa alla gara con alcuni altri ragazzi; tra questi il britannico Damian Hall, che ha finito appena un paio di minuti prima di me l’anno precedente all’UTMB ed è sicuramente uno dei più forti contendenti qui. Siamo a 15 km e c’è una prima grande salita. Sto morendo a questo punto – le mie gambe sono inutili e non voglio salire su una collina ripida. Tutti gli altri stanno spingendo forte e mi lasciano solo nell’oscurità. Lottando per salire ho raggiunto la cima quando la prima luce del sole ha iniziato a spuntare – ma aspettate un attimo – dov’è il sole? L’intera valle è stata coperta da nubi scure e fitte e un fronte di maltempo si stava avvicinando molto velocemente. Ho qualche goccia di pioggia e qualche fiocco di neve nella prossima ora. Almeno non fa caldo.

La tappa successiva è stata un sentiero tecnico che ha attraversato il versante della montagna per circa 20 km. Il divertimento di correre su un terreno tecnico mi ha riportato in vena di corse e mi sono sentito entusiasta. Forse troppo eccitato. Sono inciampato su una grossa pietra e sono atterrato sul ginocchio. Il ginocchio era messo male prima della gara – gonfio e pieno di liquido – l’ho rotto due settimane prima. Beh, la mia routine di corsa mi ha sempre portato su quel tipo di terreno dove l’abilità di inciampare e inciampare è essenziale. Mi sono preso del tempo per un piccolo pianto e una rivalutazione della situazione. Il ginocchio era ancora gonfio e si è aggiornato con una ferita sanguinante. Cercare di andare avanti è stata una buona decisione, perché la ferita non era poi così grave e dopo aver zoppicato qualche centinaio di passi sono tornato in forma per fare jogging. Dopo aver attraversato il ponte sospeso più lungo del mondo mi sono dimenticato del mio ginocchio malandato.

A 40 km mi sono avvicinato a Zermatt. Il mio team di supporto era lì con tutte le delizie e gli addii, dato che Zermatt era l’unico posto in cui siamo riusciti a organizzare il trasporto.

Il giro di Monte Rosa è complicato dal punto di vista logistico e raccomando vivamente di inviare tutti gli alimenti/attrezzature necessarie con i sacchi a caduta al km 82, 102, 128. Anche se avete un team di supporto con un’auto, potrebbe non fare in tempo a raggiungervi ai punti di controllo.

Zermatt è una meta di vacanza e soprattutto famosa per la splendida vista sul Cervino, un’epica vetta sullo sfondo del villaggio. Se il cielo è limpido, lo si può vedere da ogni parte della valle. Durante la nostra gara il tempo non è stato così bello e presumo che nessuno abbia visto il Cervino quel giorno. Neanche la corsa fino a 3300m ci ha fornito uno scorcio della montagna. Quella particolare salita da Zermatt a Teodulo, (la capanna al confine tra Svizzera e Italia) era ripida e con un ghiacciaio sopra. Abbiamo messo le nostre microspie e abbiamo trascorso circa 40 minuti di viaggio sul ghiacciaio a chiacchierare con un altro corridore, Jason, che mi ha sorpreso mentre salivo.

corridori che attraversano il ghiacciaio del theodul, Tour Monte Rosa

Attraversamento del ghiacciaio!

L’Italia ci ha accolto con un raggio di timido sole e alcuni panorami epici lungo la valle. Abbiamo corso lungo i campi da sci di Cervinia e ho sentito un po’ di motivazione in più dopo aver mangiato qualche frittella al checkpoint successivo. Ho accolto di nuovo con favore il mio fascino da corsa e ho pensato che potrebbe essere il momento di fare un po’ di pressione sulla parte anteriore del gruppo. Mi sono sentito davvero bene per i successivi 30 km di distanza e anche la pioggia non mi ha tolto nessuna goccia di motivazione.

Quando sono arrivato al checkpoint di Gressoney (km 82) ho visto Damian, che andava in giro in pigiama. Giusto, ho pensato, da vero inglese, probabilmente ha avuto paura del tempo miserabile e ha deciso di ritirarsi. Si è scoperto che i commissari di gara avevano preso la decisione di fermare la gara in previsione di bufere di neve nelle prossime fasi della gara.

Ok, e adesso che si fa? Sì! La prima cosa che ogni corridore dovrebbe fare è fingere di essere molto triste per questa decisione: “La gara è iniziata solo per me e ho risparmiato le energie per l’ultima parte della gara”. Giusto. Tutti erano felici di finire. 82 km sono un bel pezzo di corsa e personalmente sono stato molto contento di finire la gara e di ricevere la mia dose settimanale di Nutella in un colpo solo. Tutti i finalisti hanno trascorso un grande momento insieme in attesa del trasferimento di ritorno al Grächen, acclamando i nuovi arrivati, facendo nuove amicizie e gustando cibi deliziosi. Ho amato quel tempo più del tempo in piedi. Ok, probabilmente non sono un vero corridore.

Un 100 miler è un grande impegno e la maggior parte di noi passa mesi e mesi a costruire la propria forma fisica verso questo specifico obiettivo. È normale essere tristi per la decisione di qualcuno di fermare la gara quando tutto ciò che si vuole è essere là fuori a cercare di fare del proprio meglio. Purtroppo le montagne non sono la mafia italiana che si può affrontare con le proprie capacità di comunicazione, di connessione o di denaro. Le montagne vi uccideranno anche se gli organizzatori della gara hanno tutti i soldi del mondo o possono eseguire strani rituali meteorologici che coinvolgono sciamani siberiani e panda. (Tutti i rituali con i panda funzionano sempre). Una buona chiamata per fermare l’UTMR 2019!

Sicuramente non ti troverai a dare il cinque a migliaia di sconosciuti al traguardo come all’UTMB. Ma probabilmente vi farete qualche nuovo amico, perché le vibrazioni dell’evento sono molto amichevoli e molto rilassate, con un sacco di tempo e l’opportunità di parlare con gli altri corridori per la sfida.

Ma bisogna allenarsi. L’UTMR è duro e più tecnico dell’UTMB. Qui non si può correre in discesa ad occhi chiusi, questo è sicuro.

Non devi preoccuparti dei punti di qualificazione e dei risultati delle votazioni. La gara è ancora a pochi anni dal sovraffollamento e i pettorali sono facilmente reperibili.

Per esplorare i sentieri e la zona è possibile scegliere alcune altre opzioni oltre ai 100 km:

Corso di 100 miglia in 4 tappe in una gara di più giorni

Gara di 100 km, parte del percorso “full tour”.

Run 23 km, ottimo per i membri dell’equipaggio di supporto dopo l’evento principale

2019 vincitori!

Consigli: Si devete prendere il kit obbligatorio e considerare di prendere anche il kit consigliato suggerito dagli organizzatori. La seconda parte è in montagne fredde, buie e grandi e uno strato extra caldo può salvare la vostra motivazione e forse la vita.

Non dovete preoccuparvi delle microspie, se sono necessarie (a seconda delle condizioni del ghiacciaio) gli organizzatori le noleggiano a pagamento prima della gara.

Per tutti i motivi che ho menzionato sopra, e soprattutto perché mi piace completare i giri e le questioni in sospeso, ci tornerò nel 2020. Non vedo l’ora che il tempo e la vista sul Cervino siano migliori questa volta! Spero di vedervi lì!